Servizio Tutela e Disabilità

Il settore si occupa di promuovere la realizzazione di percorsi individuali di apprendimento ed integrazione sociale e scolastica oltre che di riabilitazione vera e propria, rivolgendosi a minori in condizioni di difficoltà legate a situazioni di handicap, svantaggio socio-culturale e linguistico.
L’obiettivo principale di tali interventi è quello di rispondere in modo efficace e mirato a problematiche articolate difficilmente affrontabili in prima battuta all’interno di altri servizi eventualmente promossi da Eureka stessa. Inoltre, l’intervento permette di facilitare l’approccio al sostegno in modo graduale e meno traumatico orientato comunque ad una presa in carico più globale.

Le azioni che questo settore attiva sono essenzialmente le seguenti:
– affiancamento a minori diversamente abili o in particolari difficoltà socio-culturale e linguistica sia a scuola che a domicilio;
– affiancamento a piccoli gruppi di studio pomeridiano in collaborazione con scuole, parrocchie o associazioni;
– interventi di alfabetizzazione per minori immigrati;
– sostegno e accompagnamento educativo per diversamente abili adulti.

Risorse umane coinvolte

Per i sostegni educativi l’organigramma per ognuno degli interventi prevede:
– un Responsabile di Settore;
– un Coordinatore intervento;
– un Operatore (educatore professionale, alfabetizzatore, mediatore culturale, professionisti dell’area di neuropsichiatria).

I bisogni educativi che ci prefiggiamo di soddisfare:
– la necessità di un riferimento adulto non solo significativo dal punto di vista affettivo -relazionale ma anche professionalmente adeguato a sostegno di difficoltà gravi, ma spesso recuperabili data la fase evolutiva in cui si trovano i minori;
– il bisogno di avere una sorta di mediatore-facilitatore, spesso temporaneo, che li sostenga nell’approccio al proprio disagio in chiave educativa verso una progressiva autonomizzazione, inserimento in strutture o invio ad altre tipologie di intervento.
Essendo minori i destinatari di tale servizio, si è consapevoli che i loro bisogni non possano prescindere da quelli di chi è preposto al loro accompagnamento nella crescita: famiglie, scuola, servizi e comunità in generale.